“L'acchiatura”: dalle conchiglie al santuario di Palmariggi

Vai all'Esperienza Un mare di conchiglie nel cuore del Salento
Vai all'Esperienza
Inizia con oggi la mia prima avventura al fianco di Tourango e l’entusiasmo è visibile dal sorriso che ho stampato sul viso. L’idea di scoprire nuovi posti del mio Salento e ammettere che “no, non conosco proprio tutto di questa terra” è una cosa che già di per sé mi entusiasma. La meraviglia che sa donare un posto che hai a pochissimi chilometri da casa tua e che non sapevi esistere, non ha prezzo!
Palmariggi si presenta così: davanti alla porticina di una casa un cartello scritto a mano ricorda di “Lasciare libero il passaggio”, stesso principio delle sedie posizionate sull’uscio a fare da sentinelle e dissuadere chiunque dal posteggiare l’auto. Un uomo avvisato è per metà salvo!
La combriccola si dirige con i due Ciceroni, Anna Paola e Antonio, alla scoperta dell'ex frantoio dove hanno luogo il Museo della conchiglia e del corallo e la Biblioteca comunale

Da queste parti la chiamerebbero "l'acchiatura", ovvero la scoperta di un tesoro nascosto: 3.000 esemplari tra conchiglie, madrepore, coralli, spugne, crostacei provenienti da una collezione privata e da tutti i mari del mondo, si leggono provenienze da Angola, Namibia, Canary Island, Nord Australia, Indonesia, Indopacifico, Mediterraneo. Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
Dalle vetrine il mondo sommerso si lascia guardare incantando: l’indice punta, l’occhio si concentra, l’orecchio ascolta quanto Anna Paola spiega. Ci sono vari tipi di corallo dal rosso al bambù, al bianco di Santa Maria di Leuca; la stella marina; i ricci matita; le orecchie di mare dalle quali sono ricavati i bottoni di madreperla; le ostriche perlifere.
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
Le acque tropicali, i raggi solari e diversi altri fattori hanno consegnato una particolare bellezza a esemplari come le "Cyprae", i colori e le trame singolari di Cyprae tartarugata o punctata, per esempio, ricordano le fantasie dei tessuti africani. Fossi stato un capo villaggio, forse, anche io avrei scelto di appendere al collo l'Aurantium sottolineando così il potere al resto della tribù. 
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
Giocare di fantasia e fare associazioni è la mia specialità: la Cyprae lurida del Mediterraneo ricorda un armadillo; vado in un brodo di giuggiole quando trovo, addirittura, riscontro della mia intuizione, il Cardium costatum si chiama così perché somiglia a un cuore. Su una conchiglia è disegnato un pentagramma  e il Pettine di Venere sarebbe stato perfetto per districare i nodi tra i capelli rossi di Ariel. Come in ogni collezione che si rispetti c’è la perfezione assoluta, il master-piece: il Nautilus, un nome che ha un tono leggendario. I settori visibili svelano l’età del Nautilus, come gli anelli per un albero.
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
Un aneddoto mi ha proprio colpito: il re di Francia distrusse uno dei due "Conus Gloriamaris" di cui era in possesso perché diventasse l’unico esemplare al mondo. Dove può arrivare la mania di grandezza!
Tremo al cospetto del pericolosissimo Conus Geographus (Nuova Zelanda, Australia): il suo veleno è più letale di quello del cobra.
Il percorso si chiude con Murex alabastrum simili a cioccolatini, le loro linee concentriche sarebbero state utilissime a Freud per praticare l’ipnosi. 
Confesso di aver pensato più volte che mi sarebbe piaciuto essere lì in veste di bambino per prender parte ai laboratori. Mi sono immaginata felice a creare conchiglie e pesci in pasta di sale o a decorare le cornici con le conchiglie.
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
E' la volta del Castello Aragonese, l’unica torre superstite delle tre preesistenti (di una vi sono solo dei resti) accoglie la Stratigrafia geologica del Salento: marmo, pietra leccese, tufo. Risalendo il terrazzo si guadagna un punto di vista privilegiato sulla cittadina: l’orologio, la facciata della chiesa in pietra leccese e in stile rococò, una casupola con tetto spiovente (embrice, con tegola di terracotta).
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
Dalla piazza centrale di Palmariggi raggiungiamo a piedi il Santuario di Montevergine, circa 2 km di ruralità. Il gregge di pecore non poteva mancare per immergersi appieno nel paesaggio! Tantissimi ulivi puntellano il terreno e uno in particolare, ben visibile dalla strada,  è “il vecchio”: ci dà il profilo mostrando solo  un occhio e il naso. Un’altra chicca è l’antichissima cappella votiva della Madonna col bambino, probabilmente una vasca o una pila per l’olio, qualcuno ha anche supposto si trattasse di una tomba.
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
Eccoci giunti al Santuario, dove si trova il “menhir mons Iovis”.
Cosa sappiamo di queste lastre di pietra? Hanno origini preistoriche, probabilmente sono legate a riti pagani quali riti di fertilità, donna e terra (la pietra forata ricorda l’organo femminile), oltre ad essere interpretate come porte di collegamento con gli inferi. Molto spesso i menhir hanno un allineamento con fonti d’acqua intese come fonti di vita. C’è un’altra informazione interessante: sul menhir venivano apposte delle croci per “cristianizzare” un luogo pagano. 
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
Il "Santuario di Montevergine" è risalente al 1700, la chiesa fu eretta su una grotta dove sarebbe apparsa la Vergine. Nell’interno c’è un davanzale riservato ai nobili, si scende giù per visitare la cripta con l’affresco della Madonna col bambino, proprio qui la Vergine si manifestò ad un pastorello (sempre a loro, ai pastorelli, queste fortune!).
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!
All'esterno del Santuario è indicato il percorso della Via Crucis, il tutto è molto suggestivo: il profumo di erbette aromatiche accompagna lungo le varie stazioni e fino ad una sporgenza dove giace la statua del Cristo risorto. Si apre una bella vista sulla campagna, in fondo c’è il mare di Otranto e, aguzzando la vista, si intravedono i monti dell’Albania. É venuta spontanea, anche se con un po’ di fantasia, l’associazione alla statua del Cristo Redentore, simbolo della città di San Paolo.

Vai all'Esperienza Un mare di conchiglie nel cuore del Salento
Vai all'Esperienza
Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo!  Scopri il Museo delle conchiglie e il santuario di Palmariggi con touranGo! 
 
DOVE SIAMO
Via Lucca, 22
73100 Lecce
 
PARLA CON NOI
Puoi chiamarci 7 giorni su 7
+39.347.5724615
 
SEGUICI